Casa dolce casa…

Il titolo di questo post può far intendere quale sia stata la mia gioia nel tornare a casa dopo cinque giorni lontana dalla mia famiglia.

Andare a Stoccarda, a livello professionale è stata una bella esperienza, ho avuto modo di parlare per tre giorni solo inglese, di conoscere i colleghi tedeschi con cui, fino ad oggi scambiavo solo mail, di detestare il cibo tedesco, di amare sempre più la birra e lo strudel e di visitare una città carina e molto fredda.

Purtroppo,o per fortuna, durante questi giorni, mi sono resa conto di non essere proprio tagliata per fare la donna in carriera!!!

Pochi giorni dopo aver conosciuto Gio, circa tredici anni fa, avevo avuto la proposta dall’azienda in cui lavoravo a quei tempi di andare a lavorare per un anno a Londra….allora decisi di rinunciare per creare un futuro con il mio amore ed in questi giorni mi sono resa conto che fu la scelta giusta.

Sicuramente le altre donne sono molto più brave ed organizzate di me, ma mi sono mancati i momenti in cui sto con le mie pesti, quando seguo Martina con i compiti, quando le mettiamo a letto, quando la sera i miei piedi gelati cercano quelli di mio marito…mi è mancato fare colazione con loro…cenare….e icredibile….sentirle discutere sulla scelta di un cartone!!!!

Io proprio non riesco a capire come si possa correre da una parte all’altra del mondo avendo i figli a casa!!!!

Quando sono rientrata la cosa più bella è stata l’abbraccio delle bimbe e di mio marito…che non cambierei per nessuna carriera al mondo!!!!

 

Casa dolce casa…ultima modifica: 2012-02-22T17:19:30+00:00da anna7217
Reposta per primo quest’articolo

22 pensieri su “Casa dolce casa…

  1. Non poteva essere diversamente, cara Anna, io ti conosco da una vita e dunque mi sarei stupita di leggere il contrario!
    Immagino la gioia di tornare a casa 🙂
    Comunque sono certa che potrai avere belle soddisfazioni sul lavoro anche senza andare in giro per il mondo…magari farai meno carriera ma sarai più serena e ti godrai maggiormente la tua bella famiglia!
    Un abbraccio!
    Maris

    • Eh si , mia cara amica, tu mi conosci proprio bene!!!!
      Sicuramente farò meno carriera…ma niente potrà darmi la gioia che mi infonde la mia famglia!!!

  2. Bentornata Anna,
    io la penso esattamente come te, nel rispetto, ovviamente, di coloro che fanno scelte completamente diverse.
    Comunque, credo che la strada migliore sia sempre quella di mezzo. La bravura sta nel saperla “imbroccare”!

    P.S. Ricordo che quando andai a Berlino al ristorante ci portarono – dietro nostra richiesta – gli spaghetti. Noi tutti contenti, ma ci arrivò una poltiglia informe che solo a guardarla….

    • Grazie caro Mimmo!!!!
      Sono certa che la strada giusta stia nel mezzo, ma a volte capisco che è veramente difficile capire quale sia quella giusta!!!
      Il cibo, in Germania è orribile,mi hanno anche presentato del pollo con spaghetti conditi con il ketchup…però ho mangiato della carne rossa molto buona!!!
      A presto!!

  3. Ciao Anna,
    grazie mille per essere passata al b&b e non potrei che essere felice se tu decidessi di tornarci…certo che puoi aggiungermi tra i tuoi amici…io ti aggiungerei tra i miei, ma avendo due piattaforme diverse non so come fare…in ogni caso passerò a trovarti spesso!
    Buona giornata
    betty

  4. Ti capisco sai? io non ho ancora bimbi ma non ho nessuna voglia di fare carriera lavorativa proprio perchè per prima cosa viene la famiglia..il “problema” è che io e mio marito la pensiamo allo stesso modo e spesso ci prendiamo in giro dicendoci: “vai a fare carriera non ti preoccupare” :p
    per carità il lavoro serve e lo cerco in tutta Italia e non solo, basta che lo trovo, però viaggi di lavoro e carriera lavorativa non fanno per me 🙂
    baci

    • Mia cara Chani,
      non so dove abiti in questo momento, ma se avessi bisogno puoi contattarmi ho amici un po’ in tutta Italia, e magari troviamo qualcosa per te.. 🙂
      Comunque senfa bimbi è tutto più semplice, specialmente il lavoro e magari fare delle esperienze quando si è un po’ più liberi non è niente male!!!
      Un abbraccio!!!

  5. :-))
    Cuore di mamma!!
    E soprattutto
    di donna che AMA!!

    E’ vero, è questione di scelte… ma per come sono fatta io… che non ho MAI anteposto il lavoro alla mia famiglia… non posso che sorridere leggendoti e pensando che siamo meravigliosamente belle nel nostro esser così!
    Buona nuova settimana!

  6. ciao Anna
    sono in ritardo, ma come ti capisco. Anch’io non riuscirei mai stare lontana da casa pensa che venerdì sono stata a Vercelli al corso d’inglese e stavo in pensiero perchè Tiziano è via per lavoro e Federico sì era a casa con i nonni, ma sapevo che voleva me!!! Bisogna essere abituati per viaggiare senza i figli … quando Tiziano è partito per la prima volta per andare in Sardegna a portare il materiale per il nuovo lavoro a Federico è venuto mal di pancia … e allora adesso goditi la tua famiglia
    Buona settimana Patrizia

  7. Ciao donna in carriera!
    😉 ti ho lasciato le spiegazioni della ricetta del legante per le tempere il risposta al tuo commento sul mio blog.
    Ben tornata!

  8. Ciao Anna e buona serata. Immagino sia una questione di scelte e obiettivi personali. Magari, ci sarà qualche donna che a leggere questa tua confessione, potrebbe “non capire come si possa rinunciare ad una carriera personale per correre a casa dai figli”! Credo che l’importante sia essere appagati dai propri sentimenti e dalle proprie scelte…. e non recriminare in futuro. Quindi, non dico che la tua sia una scelta giusta o sbagliata ma solo la tua.

    • Mio caro Carlo,
      grazie per essere venuto di nuovo a trovarmi.
      Hai ragione nello scrivere che è una “mia scelta”, ma sono convinta che riuscendo a conciliare tutto le gioie che ti danno i figli nessuno e niente te le puo’ donare e talvolta vale la pena fare dei sacrifici.
      Buona giornata!!!

    • …quando scoprirai che l’amore esiste cambierai idea….
      Ciao e grazie per aver visitato il mio blog!!!

  9. Ciao, diffido di chiunque usi parole come MAI o SEMPRE o SEI TUTTA LA MIA VITA o altre cazzate simili. Quando vehgono usate qst parole, guardate negli occhi quella persona e sappiate che quella è la persona che vi farà soffrire più di tutte al mondo!

    Come si fa a soprire qualcosa che non (esiste)?

    L’amore non esiste è nulla al mondo potra’ farmi cambiare idea.

    Buona giornata…

I commenti sono chiusi.